Il Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (Intergovernmental Panel on ClimateChange – IPCC) all’indomani della pubblicazione dell’allarmante rapporto sul riscaldamento globale propone cinque semplici e basilari soluzioni nel quotidiano per aiutare il pianeta.

 

1. MANGIA MENO CARNE, soprattutto manzo

Ridurre (non eliminare dalla dieta) il consumo di latticini e carne bovina, afferma l’ IPCC, è il singolo gesto con maggiore impatto sulla salvaguardia del pianeta. L’allevamento intensivo infatti provoca un forte impiego delle riserve idriche, immissioni gas serra, inquinamento delle acque e dei terreni (impatto maggiore rispetto all’inquinamento derivante da traffico veicolare e industriale)

2. RIDURRE USO INDIVIDUALE DELL’AUTOMOBILE

Vi è mai capitato di rimanere bloccati in tangenziale alle 8 del mattino e di sbirciare nelle altre auto? Quante di queste sono occupate solo dal conducente? Tantissime. Avere compagni di viaggio, quindi una migliore organizzazione nell’uso dell’auto, magari condividendo il tragitto con persone che hanno la stessa destinazione, ma soprattutto un maggiore utilizzo dei mezzi di trasporto (metropolitana, treno, bus) porterebbe ad un forte abbassamento delle emissioni. Poi se potete usare la bici tanto meglio. Un toccasana per la vostra salute.

3. ISOLAMENTO DELL’APPARTAMENTO

Il famoso “cappotto” alla vostra abitazione permette una minore dispersione del calore verso l’esterno durante i mesi più freddi. Questo si traduce in un minor uso del riscaldamento, quindi di consumo di gas, quindi meno emissioni.

4. RIDUCI, RICICLA, RIUSA

Fai sempre la differenziata, prediligi il vetro.

5. VOTA

L’inquinamento, i cambiamenti climatici, l’esaurimento delle risorse sono tutti temi molto importanti. Rappresentano la sfida di un domani non troppo lontano. Stiamo gia pagando scelte scellerate del passato e non c’è molto tempo a disposizione. Ora bisogna agire e in fretta. Scegliere politici che mettano al primo posto la tutela e la salvaguardia della salute umana attraverso programmi mirati è il primo passo. Il cambiamento parte anche dalle cabine elettorali.