L’amla (Phyllanthus emblica) è l’uva spina indiana, una pianta che produce un frutto simile ad una susina molto soda, dalla buccia giallo verdognola, traslucida come quella dell’uva spina.

 

Ha un sapore estremamente amaro, astringente ed acido dovuto dall’alta presenza di acido ascorbico, tanto da dare l’idea di essere completamente acerbo e la sua sopportazione richiede un po’ di forza di volontà, ma i benefici che apporta alla salute sono insostituibili.

Viene usata da millenni nella medicina ayurvedica, grazie alle sue straordinarie proprietà antinfiammatorie e alla ricchezza di vitamina C che espletano una forte azione antiossidante e hanno molteplici benefici sulla salute.

È ricco d’acqua e privo di grassi, con un’ingente presenza di calcio e contiene quasi tutte le vitamine del gruppo B, il ferro e il manganese. A ciò si aggiungono vari preziosi acidi quali il gallico e l’ellagico, numerosi flavonoidi e polifenoli.

Si parla delle sue capacità farmacologiche già nei più antichi testi di medicina orientale: astringente, digestivo, afrodisiaco, lassativo, tonico, diuretico. Ideale per arricchire prodotti di cosmesi, per combattere tosse e dolori addominali, scottature, infiammazioni, febbre, diabete ed emorragie.
Migliora il tono della pelle
Prodotto naturale contro le rughe
contrasta la comparsa dei radicali liberi
azione schiarente sulle macchie soprattutto quelle solari
Secondo la medicina ayurvedica questo rimedio può essere utile in caso di:
problemi respiratori di vario genere
disturbi digestivi, gastrointestinali o epatici
diabete
allergie
problemi cutanei
osteoporosi

Il sapore è astringente per cui è più comodo utilizzare l’amla sotto forma di polvere o compresse. È sempre meglio assumerla sotto il consiglio e la supervisione di un medico esperto in ayurveda, in base soprattutto al problema che si vuole trattare, che conosce bene tutte le caratteristiche di questa pianta e sa utilizzarla al meglio.

Per quanto riguarda invece l’utilizzo dell’amla su pelle e capelli in questo caso si utilizza solitamente l’olio o la polvere miscelata insieme ad acqua o altre polveri ayurvediche come l’Hennè.

Olio di amla
L’ Olio di Amla si ottiene dalla macerazione dei frutti in un olio. La principale proprietà di quest’olio è che è in grado di rallentare la crescita dei capelli bianchi, rendendoli più morbidi e più lucenti, facili anche da pettinare

Indicato per chi ha capelli particolarmente grassi oppure molto rovinati. Può essere lasciato agire anche per un’ora, avendo cura di avvolgere i capelli in un asciugamano pulito.
Successivamente si può passare al risciacquo dei capelli, lo shampoo non è obbligatorio.

Se si vuole utilizzare l’Olio di Amla come colorante naturale, occorre mescolarlo insieme all’hennè in acqua calda. Il prodotto va applicato sulla cute e tenuto per circa 2 ore. Successivamente è possibile passare al risciacquo, utilizzando acqua tiepida, senza fare lo shampoo. Prima di lavare i capelli con lo shampoo bisogna lasciar passare un giorno intero, ovvero 24 ore dall’applicazione.

Insomma l’Amla è una pianta da mille usi e mille proprietà!

Voi avete mai sperimentato i benefici dell’Amla?